Il parco archeologico di Acerenthia, ovvero Akerentia o Acheronthia, l'attuale Cerenzia vecchia - fotodellacalabria.it

fotodellacalabria.it
Spunti fotografici di storia, archeologia e paesaggio calabresi
Vai ai contenuti

Il parco archeologico di Acerenthia, ovvero Akerentia o Acheronthia, l'attuale Cerenzia vecchia

Gallerie Fotografiche > Storia e Archeologia
Utilizzo delle gallerie e avvertenze sul contenuto
©  foto: Nunzio Bilotta

Caricamento miniature: attendere un attimo, prego.

Akerenthia_01.jpg
Akerenthia_02.jpg
Akerenthia_03.jpg
Akerenthia_04.jpg
Akerenthia_05.jpg
Akerenthia_06.jpg
Akerenthia_07.jpg
Akerenthia_08.jpg
Akerenthia_09.jpg
Akerenthia_10.jpg
Akerenthia_11.jpg
Akerenthia_12.jpg
Akerenthia_13.jpg
Akerenthia_14.jpg
Akerenthia_15.jpg
Akerenthia_16.jpg
Akerenthia_17.jpg
Akerenthia_18.jpg
Akerenthia_19.jpg
Akerenthia_20.jpg
Akerenthia_21.jpg
Akerenthia_22.jpg
Akerenthia_23.jpg
Akerenthia_24.jpg
Akerenthia_25.jpg
Akerenthia_26.jpg
Akerenthia_27.jpg
Akerenthia_28.jpg
Akerenthia_29.jpg
Akerenthia_30.jpg
Akerenthia_31.jpg
Akerenthia_32.jpg
Akerenthia_33.jpg
Akerenthia_34.jpg
Akerenthia_35.jpg
Akerenthia_36.jpg
Akerenthia_37.jpg
Akerenthia_38.jpg
Akerenthia_39.jpg
Akerenthia_40.jpg
Akerenthia_41.jpg
Akerenthia_42.jpg
Akerenthia_43.jpg
Akerenthia_44.jpg
Akerenthia_45.jpg
Akerenthia_46.jpg
Akerenthia_47.jpg
Akerenthia_48.jpg
Akerenthia_49.jpg
Akerenthia_50.jpg
Akerenthia_51.jpg
Akerenthia_52.jpg
Akerenthia_53.jpg
Akerenthia_54.jpg
Note

Omettendo i cenni storici, che potrete abbondantemente trovare nel web, vi dico subito le straordinarie analogie che ho riscontrato con luoghi oggetto dei miei reportages: i ruderi somigliano molto a quelli di Cirella vecchia; il paesaggio in cui sono immersi ricorda molto, invece, quello del  sito archeologico di Castiglione di Paludi.

Per accedere ai ruderi bisogna affrontare una lunga scalinata oppure, se si dispone di un fuoristrada, percorrere una stradella  in pietra che affianca la gradinata stessa. Salire a piedi è, naturalmente, più faticoso ma consente di godere (e fotografare, a chi piace) in tutta calma il paesaggio sottostante che, nonostante alcuni inequivocabili segni della presenza umana, conserva ancora una certa primordialità.  Di contro, poter accedere in auto dona la possibilità ad anziani, disabili e… pigri di godere del fascino di queste rovine i cui resti più interessanti sono senz'altro quelli della basilica di S.Teodoro e dell'immancabile castello.
Una volta entrato nel parco ho avuto la netta sensazione di trovarmi in un paese fantasma più che in un sito archeologico, nonostante abbia scelto un paio di giornate soleggiate (come mia consuetudine)  per scattare le foto. Ad acuire questa mia sensazione, probabilmente, sono state le ombre dal profilo un po' spettrale, i rami degli alberi ancora spogli ed il gracchiare dei corvi.  Se avessi effettuato le riprese in primavera avanzata probabilmente non avrei goduto di questa suggestione e, forse, non avrei nemmeno potuto provare a trasmettervela come con le foto presenti in questa galleria.
Agli amanti della fotografia che intendono recarsi in questo luogo con l'attrezzatura al completo consiglio , se vogliono o devono affrontare la salita a piedi, di munirsi di uno zaino fotografico che faciliterà non poco il trasporto. Suggerisco, inoltre, di portare obiettivi che possano coprire i 24 mm effettivi  o giù di lì.
Grazie per l'attenzione e buona visione.

                                N. Bilotta

v. 17.8.2.0 - Created with Website X5 Evo 2021.2.4
© 2009-2021 Tutti i diritti riservati
v. 17.8.2.0 - Created with Website X5 Evo 2021.2.4
Torna ai contenuti